COUNSELOR OLISTICO

14.05.2011 22:17

 

Chi è il Counselor Olistico

 
E' un professionista che lavora nella relazione d'aiuto in maniera globale. Se immaginiamo una persona sana e non malata che in un certo periodo della propria vita attraversa un momento difficile: uno stato di confusione, un lutto, una separazione, un licenziamento e quant'altro possa turbare il proprio equilibrio, invece di andare a fare terapia, si può rivolgere al Counselor che riesce ad aiutarla in meno tempo senza bisogno di estenuanti processi analitici e interpretativi.

Il Counselor accompagna la persona in maniera rispettosa e attenta nei suoi processi di presa di coscienza del problema, favorendo una visione altra, a volte d'insieme, che consente una nuova ricontestualizzazione della problematicità facilitando il superamento della crisi.

Si può pensare al Counselor come un allenatore per la propria autostima, un facilitatore di processi di potenziamento delle proprie attitudini, capacità e talenti.

Il Counselor Olistico non lavora con malati o con patologie, quindi non ha pazienti che si affidano ciecamente a lui, ma interlocutori: persone sane con cui confrontarsi alla pari. Per tanto è necessario una maggiore dose di autenticità nel proprio operato, un sentimento di auto responsabilità e un forte spirito etico.

La differenza con altri tipologie di Counselor si può riscontrare nell’approccio alla persona. Il Counselor Olistico vede l’altro non solo come una mente pensante o un corpo operante, ma un essere spirituale che sta facendo un’esperienza umana. Il largo spettro di azione consente al professionista di muoversi su diversi livelli dell’essere accogliendo la persona in maniera completa senza giudizio e discriminazioni di sorta.

La durata di un incontro non è mai inferiore alle due ore, di cui trenta minuti per entrare in situazione, un’ora piena d’intervento e altri trenta minuti per restituire il soggetto a se stesso. Questa dilatazione del tempo: il doppio della durata rispetto a un intervento tradizionale, permette alla persona di entrare in contatto con delle parti intime di se stessa senza ansia di essere cestinato fuori.

Rispetto alla sua formazione professionale il Counselor Olistico ha sperimentato in primis su se stesso, all’interno dei gruppi di studio e poi, direttamente durante il suo tirocinio professionale una quantità esagerata di esperienza specialistica che gli permette di operare in piena autonomia e con discreto successo sui casi presi in carico.

Valerio Sgalambro


Il boom della medicina alternativa rischia di spazzare i medici
Un commento del Ministro Sirchia ripreso dall’Agenzia Kronos-Salute

 
Indietro

Cerca nel sito

© 2010 Tutti i diritti riservati.